Ricerca e sviluppo, stanziati 600 milioni di Euro

sanitaIl decreto stanzia in totale 200 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016: le imprese potranno beneficiare di un credito d’imposta fino a un massimo di 2,5 milioni annui per azienda, senza distinzione di forma giuridica, dimensioni, settore economico o regime contabile. Il credito verrà applicato nella misura del 50% degli incrementi  annuali della spesa sostenuta da ogni impresa in attività di ricerca e sviluppo.

Le procedure per l’applicazione del credito d’imposta verranno definite in un decreto del ministero dello sviluppo economico, di concerto con il ministero dell’economia e delle finanze. Per accedere al bonus le imprese dovranno presentare domanda via web, con modalità che saranno indicate nel decreto applicativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *